Home
Al Nord pi¨ ricchi del 30% rispetto al Sud - redditi del 10,6% pi¨ alti della media nazionale PDF Stampa E-mail
martedý 06 aprile 2010

Le elaborazioni delle dichiarazioni dei redditi 2009 confermano il primato delle regioni settentrionali

 Il livello massimo in Lombardia con 22.540 euro. Al Centro il dato è tenuto su dalla capitale

Da Repubblica.it

 ROMA - Nelle regioni settentrionali i redditi sono del 10,6% più alti rispetto alla media nazionale. E il divario arriva a superare il 30% nel confronto con il Sud, dove invece in media il reddito è del 20,2% inferiore al dato nazionale. E' il quadro che emerge dalle elaborazioni effettuate sulle dichiarazioni dei redditi 2009, relative al 2008, pubblicate dal Dipartimento delle politiche fiscali del Mef. Nel Nord Italia 20,4 milioni di contribuenti, pari a poco meno della metà di coloro che hanno presentato la dichiarazione, hanno denunciato 426,6 miliardi di euro, cioè il 54,5% del reddito complessivo pari a 782,6 miliardi. Il reddito medio al settentrione arriva a 20.870 euro contro i 18.873 euro della media nazionale. Nelle regioni meridionali, su un totale di 8,5 milioni di contribuenti, il reddito complessivo è di 127,7 miliardi e quello medio annuo arriva a 15.052 euro (-20,6% del dato nazionale). Al Centro invece su un totale di 8,3 milioni di contribuenti il reddito complessivo è di 165,1 miliardi di euro e quello medio di 19.891 euro (+5,4%). Sono gli abitanti della Lombardia a dichiarare i redditi più alti in assoluto: con 22.540 euro superano del 19,4% la media nazionale. Ma tutte le regioni del Nord restano comunque al di sopra del dato nazionale: Emilia Romagna con 20.560 euro (+8,9%), Valle D'Aosta con 20.240 euro (+7,3%), Piemonte con 20.070 euro (+6,4%), Liguria con 20.050 (+6,2%), Trentino Alto Adige con 19.730 euro (+4,6%), Veneto con 19.560 euro (+3,7%) e Friuli Venezia Giulia con 19.440 (+3%). Anche nelle regioni centrali i redditi sono superiori in media al dato nazionale, ma a tenere alto il dato è la capitale, aiutata in modo lieve dalla Toscana. Il Lazio, con un reddito medio di 21.310 euro, supera del 12,9% il dato complessivo e si piazza al secondo posto assoluto tra le 20 regioni. Mentre la Toscana con 19.370 euro supera le media del 2,6%. Restano sotto, invece Umbria e Marche, rispettivamente con 17.970 euro (-4,8%) e 17.610 euro (-6,7%). Tutte sotto la media le regioni meridionali, con la Calabria fanalino di coda. Con 13.470 euro medi si attesta a -28,6% rispetto al dato nazionale. Penultima in classifica la Basilicata con 14.270 euro (-24,3%), seguita dal Molise con 14.520 euro (-23%), Puglia con 14.830 euro (-21,4%), Campania con 15.760 euro (-16,5%) e Abruzzo con 15.850 (-16%). Restano sotto la media nazionale anche le isole: in Sicilia il reddito medio è di 15.130 euro (-19,8%) e in Sardegna di 16.280 euro (-13,7%). (05 aprile 2010) Tutti gli articoli di Economia

 
< Prec.   Pros. >
page counter