Home arrow rassegna stampa arrow G( 2001: Bolzaneto, reati prescritti ma sono tutti colpevoli
G( 2001: Bolzaneto, reati prescritti ma sono tutti colpevoli PDF Stampa E-mail
sabato 06 marzo 2010

G8-GENOVA · I condannati sono 7. Gli altri dovranno risarcire le vittime

Da Il Manifesto del 6 Marzo 2010

Alessandra Fava

GENOVA - Sette imputati su 44 sono stati condannati ieri sera al processo d'appello per le violenze avvenute nella caserma di Bolzaneto durante il G8. I reati che restano ovviamente sono quelli non prescritti. Dal falso ideologico, alle violenze più efferrate tra quelle documentate. I condannati sono l'assistente capo della Polizia di stato Massimo Luigi Pigozzi (3 anni e 2 mesi) quello che divaricò una mano a un manifestante, gli gli agenti di polizia penitenziariaMarcello Mulas e Michele Colucci Sabia (1 anno) e il medico Sonia Sciandra (2 anni e 2 mesi). Inoltre sono state confermate le pene a 1 anno per gli ispettori della Polizia di StatoMatilde Arecco,Mario Turco e Paolo Ubaldi, che avevano rinunciato alla prescrizione. Matutti i 44, tra poliziotti, carabinieri, penitenziaria, medici e paramedici, sono ritenuti responsabili civilmente delle violenze, quindi arriveranno un bel po'di risarcimenti, persino di più di quei 2 milioni di euro circa che erano stati stabiliti in primo grado dopo che anche l'Avvocatura aveva detto che chiedeva scusa aimanifestanti salvo poi rifiutarsi di tradurre le parole in moneta sonante. Ora dovranno pagare quasi tutti i 44 o meglio pagheranno iministeri di competenza. Ieri sera a tarda ora, dopo le venti in modo da evitare che per sbaglio la notizia finisca su qualche telegiornale proprio come gia' avvenuto alla lettura del dispositivo di primo grado, è iniziata la lettura della sentenza del processo d'appello per le violenze avvenute nella caserma di Bolzaneto dove, durante il G8 del 2001, dovevano essere identificati e furono di fatto picchiati e sottoposti a diversi abusi i manifestanti fermati. I reati contestati alla polizia penitenziaria, polizia, carabinieri e personale medico e paramedico erano a vario titolo abuso d'ufficio, abuso d'autorità su arrestati, violenza privata, lesioni personali, percosse, ingiurie, minacce e falso ideologico. Un processo rapido, come sempre accade in appello, iniziato il 20 ottobre scorso e finito ieri, dopo 11 ore di camera di consiglio, con la sentenza del collegio presieduto da Maria Rosaria D'Angelo. Ad ascoltarla, gli stessi pm che avevano sostenuto l’accusa in primo grado, RanieriMiniati e Patrizia Petruziello, «soddisfatti» così come i legali delle parti civili. Il processo di primo grado si era concluso il 15 luglio 2008 con la condanna di 15 dei 45 imputati per un totale di 23 anni e 9 mesi di reclusione, tuttavvia molti imputati venivano alleggeriti di molti reati già nel febbraio dello scorso anno per la sopravvenuta prescrizione. Fra i condannati in primo grado figuravano l'ispettore Antonio Biagio Gugliotta per abuso d'ufficio (5 anni); Alessandro Perugini e Anna Poggi a 2 anni e 4 mesi in quanto figuravano come rappresentanti della Questura. Condannati anche Giacomo Toccafondi a 1 anno e 2 mesi e Aldo Amenta a 10mesi, entrambi operanti nella sala dell'infermeria come medici. L’assoluzione che aveva fatto piùmale era stata quella del colonnello della penitenziaria Oronzo Doria. Di certo, la sentenza di primo grado non aveva accolto le richieste dei pm che avevano assolto uno solo dei 45 imputati, chiedendo 76 anni 4 mesi e 20 giorni di carcere, con pene dai 6 mesi ai cinque anni e otto mesi per gli altri 44. E fecero scandalo le motivazioni uscite pochi mesi dopo. Mentre secondo i duecento e passa testimoni e vittime, Bolzaneto fu un luogo di tortura , dove uomini venivano minacciati di sodomizzazione, le donne insultate a vario con frasi d’ogni genere, tipo "stai zitto non sei un cittadino, ma una merda", il tutto condito di filastrocche a Pinochet,Hitler e Mussolini, botte, calci, schiaffi e pugni e i medici non soccorrevano i feriti, anzi li prendevano in giro, i giudici di primo grado scrissero che non si poteva provare che ci fosse volontà e coscienza di nuocere al fermato tranne che per lo "strappatore di mano", vale a dire l'assistente capo poliziotto Massimo Pigozzi, che divaricò pollice e resto delle dita a un fermato. Il colonnello Doria, poi era stato assolto perché non era superiore gerarchico della penitenziaria ma aveva una funzione di «direzione funzionale» e che nell'infermeria «il clima complessivo non era deimigliori»mamolti reati non sarebbero attribuibili ai medici stessi. La sentenza di ieri, pur prendendo atto della prescrizione, ha ribaltato questo giudizio.

 
< Prec.   Pros. >

page counter