Home arrow rassegna stampa arrow Governo battuto alla camera su un emendamento al ddl lavoro
Governo battuto alla camera su un emendamento al ddl lavoro PDF Stampa E-mail
giovedì 28 gennaio 2010

Passa una modifica dell'on. Manuela Ghizzoni al ddl sul Lavoro. Assenti 99 deputati di maggioranza Poco più tardi, altro piccolo schiaffo al governo. L'aula boccia un parere positivo del relatore Governo battuto alla Camera su un emendamento del Pd

Da repubblica.it

ROMA - Governo battuto nell'Aula della Camera su un emendamento del Pd al ddl Lavoro collegato alla Finanziaria su cui il governo aveva espresso parere contrario. Con 222 sì e 214 no è stato infatti approvato l'emendamento firmato da Manuela Ghizzoni. Il testo si riferisce all'articolo 10 del testo: sopprime delle norme contenute nel decreto sul diritto allo studio, la valorizzazione del merito e la qualità del sistema universitario e della ricerca del 2008, relativo alle procedure di valutazione comparativa per il reclutamento dei ricercatori. Il relatore Silvano Moffa ha chiesto una pausa dei lavori dell'Assemblea di 15 minuti "per valutare gli effetti determinati sul testo dall'approvazione dell'emendamento". E' stato approvato per le assenze nei banchi della maggioranza. Nella maggioranza mancavano 99 deputati: "E' la dimostrazione delle sempre più profonde spaccature all'interno della maggioranza dopo la bocciatura da parte del ragioniere dello stato e quindi del ministro Tremonti dell'azione dei ministri Gelmini e Brunetta - ha detto Erminio Quartiani, segretario d'aula del Pd -. La maggioranza e il governo avrebbero fatto meglio ad accogliere la nostra proposta di rinviare il provvedimento in commissione per un maggiore approfondimento". Poco più tardi, la scena si è ripetuta al contrario. Il relatore Giuliano Cazzola "come segno di buona volontà", ha deciso di cambiare da negativo a positivo il suo parere su un'altra richiesta firmata dalla stessa deputata Pd, Manuela Ghizzoni. Il sottosegretario Pasquale Viespoli a quel punto si è associato e ha dato parere positivo, ma quando è stato messo ai voti l'emendamento è stato bocciato.

 
< Prec.   Pros. >

page counter