Home arrow rassegna stampa arrow Inflazione, l’Istat conferma: nel 2009 è salita del +0,8%
Inflazione, l’Istat conferma: nel 2009 è salita del +0,8% PDF Stampa E-mail
venerd́ 15 gennaio 2010

 Inflazione in crescita a dicembre.

Da L'Unità on line

L'Istat conferma le stime preliminari e segnala che il mese scorso il costo della vita è salito dello 0,2% su base mensile e dell'1% su base annua, a fronte del +0,7% tendenziale registrato a novembre. L'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività è salito dello 0,8% nella media del 2009, il dato più basso dal 1959. Anche l'indice armonizzato Ue è cresciuto a dicembre dello 0,2% su base mensile, per un tendenziale in aumento dell'1,1%. L'incremento medio del 2009 si è attestato anche in questo caso allo 0,8%. L'accelerazione dell'inflazione a dicembre, spiega l'Istat, risente delle tensioni sui prezzi dei servizi e degli aumenti dei prezzi dei tabacchi, i cui effetti sono risultati in parte compensati dalla flessione dei prezzi nel comparto energetico. Al netto della componente energetica e degli alimentari freschi, il tasso tendenziale di crescita dei prezzi al consumo rimane anche a dicembre stabile all'1,3% mentre, nella media del 2009, l'indicatore dell'inflazione di fondo ha registrato una crescita dell'1,6%. Con riferimento ai capitoli di spesa, gli incrementi congiunturali più rilevanti hanno interessato i prezzi delle Bevande alcoliche e tabacchi (+1,8%), della Ricreazione spettacoli e cultura (+0,7%) e dei Trasporti (+0,5%). Diminuzioni su base mensile si sono registrate, al contrario, per i prezzi delle Comunicazioni (-0,4%), dell'Abitazione, acqua, elettricità e combustibili (-0,2%) e dei Servizi ricettivi e di ristorazione (-0,1%). Sul piano tendenziale, i maggiori tassi di crescita si sono registrati per il capitolo delle Bevande alcoliche e tabacchi (+4,4%), degli Altri beni e servizi (+3%) e dell'Istruzione (+2,4%). Variazioni negative si sono avute, invece, per il capitolo dell'Abitazione, acqua, elettricità e combustibili (-2,3%). La scomposizione del tasso tendenziale di crescita dell'indice generale nei contributi imputabili ai diversi capitoli evidenzia che, nell'ultimo mese, l'effetto di contenimento dell'inflazione si deve interamente all'andamento dei prezzi dell'Abitazione, mentre il maggiore sostegno alla dinamica tendenziale dell'indice aggregato è attribuibile al capitolo dei Trasporti. Confrontando, a livello di capitolo, i tassi tendenziali di dicembre con quelli misurati nel mese precedente, si registrano accelerazioni per cinque capitoli: Bevande alcoliche e tabacchi (da +2,7% a +4,4%), Trasporti (da +0,6% a +2,2%), Ricreazione spettacoli e cultura (da +0,7% a +1%), Servizi ricettivi e di ristorazione (da +0,9% a +1,1%) e Altri beni e servizi (da +2,8% a +3%). Rallentamenti si registrano invece per tre capitoli: Comunicazioni (da +1% a +0,3%), Alimentari e bevande analcoliche (da +0,5% a +0,4%) e Istruzione (da +2,5% a +2,4%). Si accentua, inoltre, la flessione tendenziale dei prezzi dell'Abitazione, acqua, elettricità e combustibili (da -2,1% a -2,3%). L'analisi della dinamica di specifici prodotti o gruppi di prodotti evidenzia andamenti differenziati. Nel comparto alimentare, diminuzioni su base mensile si manifestano per i prezzi della frutta fresca (-1%) che negli ultimi dodici mesi si sono ridotti dell'1,8%. Un lieve aumento congiunturale si registra per i prezzi dei vegetali freschi (+0,1%) che porta il tasso tendenziale al +3,8%. Risultano in lieve aumento rispetto al mese precedente anche i prezzi delle carni (+0,1%) che su base tendenziale registrano una crescita dello 0,9%. Nel comparto dell'energia, per quanto riguarda i singoli prodotti, si registra la flessione su base mensile dei prezzi della benzina verde (-1%), il cui tasso tendenziale a dicembre è salito al +13,2%, contro il +5,2% di novembre. Una diminuzione congiunturale si registra per il prezzo del gasolio per autotrazione (-1,1%), che porta il tasso tendenziale a +0,4% (era -6,3% a novembre). Il prezzo del gasolio da riscaldamento diminuisce su base mensile dello 0,5%, con una variazione tendenziale pari a -1,2% (era -8,6% il mese scorso). Al contrario, il prezzo del gas scende dello 0,7% rispetto al mese precedente e del 14,9% rispetto al dicembre del 2008. A dicembre si registra inoltre l'aumento dei prezzi dei tabacchi (+2,3% rispetto al mese precedente) che negli ultimi dodici mesi si sono accresciuti del 5,4%. Nel segmento dei beni non alimentari e non energetici, si evidenzia la nuova forte crescita dei prezzi dell'oreficeria (+2,5% nell'ultimo mese e +16,3% rispetto al 2008). Diminuzioni su base mensile si registrano invece per i prezzi degli apparecchi per il trattamento dell'informazione (-3,1% su base mensile e -0,8% in ragione d'anno), per i prezzi delle apparecchiature e materiale telefonico (-1,7% sul mese e -7,9% sul 2008) e per i prezzi degli apparecchi fotografici e cinematografici (-1,1% sul mese e -6,7%). Nel settore dei servizi, si registra l'aumento dei prezzi dei trasporti ferroviari del 6,3% su base mensile e dell'11,9% rispetto al dicembre del 2008. Aumentano inoltre i prezzi dei servizi assicurativi (+0,7% sul mese e +5,4% sul 2008), dei servizi ricreativi e culturali (+1,5% sul mese e +2,9% sul 2008) e degli altri servizi di alloggio (+3,5% il dato congiunturale e +1,2% il tasso tendenziale). I prezzi dei servizi di ristorazione crescono dello 0,2% rispetto a novembre e del 2% rispetto al dicembre 2008; quelli dei servizi di riparazione e manutenzione dei mezzi di trasporto aumentano dello 0,2% su base mensile e del 3,5% sul piano tendenziale. Le tariffe del trasporto aereo salgono del 12,3% rispetto al mese precedente e diminuiscono del 17% rispetto al dicembre 2008. Per il raggruppamento dei prodotti acquistati con maggiore frequenza, a dicembre i prezzi sono saliti dello 0,2% su base congiunturale, con un incremento tendenziale del 2%. I prezzi dei prodotti a media frequenza di acquisto crescono dello 0,3% rispetto al mese precedente e dello 0,2% rispetto al dicembre dello scorso anno. Invariati sul piano congiunturale sono risultati i prezzi dei prodotti a bassa frequenza di acquisto, che sul piano tendenziale risultano accresciuti dello 0,9%. 15 gennaio 2010

 
< Prec.   Pros. >

page counter