Home
MANULI ASCOLI: REGIONE E PROVINCIA, RITIRARE LICENZIAMENTI PDF Stampa E-mail
venerd́ 20 novembre 2009

AGI - Ascoli Piceno 20 nov.- La Regione Marche, la Provincia e il Comune di Ascoli chiedono alla Manuli Rubber di ritirare i licenziamenti di tutti i 370 dipendenti dello stabilimento ascolano. Una richiesta motivata dagli enti alla luce delle recenti prese di posizione dei lavoratori, che in 240 hanno firmato, proprio in questi ultimassi giorni un appello promosso dai sindacati confederali affinche' si accetti l'ipotesi di accordo sottoscritta due settimane fa a Roma, presso il Ministero dello Sviluppo economico.

Secondo la Regione Marche, questa petizione, gia' inviata alle istituzioni "modifica il quadro complessivo della vertenza." Per questo quindi, gli enti locali "chiedono ai vertici della Manuli di consentire il ripristino delle condizioni stabilite, nel rispetto degli impegni gia` assunti, e per una conclusione positiva della questione."

Le lettere di licenziamento del gruppo milanese che produce tubi in gomma, a tutti i suoi dipendenti del sito di Ascoli, erano partite immediatamente dopo il mancato via libera dei lavoratori, oltre che dei sindacati SDL (maggioritario nella fabbrica) ed UGL, all'accordo siglato al Mise dai rappresentanti nazionali dei chimici di CGIL, CISL e UIL.

L'ipotesi di accordo prevedeva la conferma di soli 140 dipendenti, oltre ad incentivi all'uscita per circa 3,7 milioni complessivi.

 
< Prec.   Pros. >
page counter