Home arrow Comunicati Stampa arrow Accordo su Atitech di Napoli
Accordo su Atitech di Napoli PDF Stampa E-mail
giovedì 15 ottobre 2009

Comunicato Stampa  - Per il giudizio definitivo sull’accordo Atitech, aspettiamo la fine della trattativa in sede aziendale.

SdL Intercategoriale ha siglato con riserva (in attesa di verifica del mandato dei lavoratori) l’intesa raggiunta a Palazzo Chigi sulla vertenza Atitech, ed in considerazione dell’esito della trattativa che sta continuando in sede aziendale.

SdL, ritiene che nella situazione data, creatasi anche grazie alla reticenza di gran parte del Sindacato che di fatto ha consentito un assetto societario diverso da quanto previsto dagli impegni e dagli accordi di Palazzo Chigi (accordo quadro Alitalia) l’intesa in questione abbia comunque fatto registrare significativi passi in avanti rispetto all’impostazione originaria del Piano presentato dalla New-co Manutenzioni Aereonautiche.

Condizioni indispensabili per il raggiungimento dell’intesa sono state per SdL la cigs a rotazione del personale e la prospettata situazione che a regime, nel 2014, oltre ai lavoratori che raggiungeranno i requisiti pensionistici e coloro che saranno assunti da Finmeccanica, nessun lavoratore perderà il lavoro, nonché le garanzie e la sostenibilità in termini di ammortizzatori sociali anche per i lavoratori dell’indotto. Anche dal punto di vista salariale e normativo, SdL ritiene che già attualmente, il contributo del personale Atitech sia stato già fornito.

Risulta però evidente che per il rilancio dell’azienda, bisogna da subito dare seguito ai contenuti scritti, con atti concreti sui quali l’impegno di SdL Intercategoriale sarà inflessibile :

 - L’applicazione della rotazione prevista, necessaria anche per il mantenimento delle abilitazioni tecniche del personale;

 - I processi formativi, soprattutto quelli necessari per l’acquisizione di AA/MM di lungo raggio e il consolidamento e l’ampliamento delle certificazioni esistenti;

 - Gli investimenti per il completamento e per l’adeguamento delle infrastrutture;

 - Gli interventi e le strategie necessarie per posizionare l’azienda sul conto terzi dovranno assumere carattere di assoluta priorità con il massimo apporto anche delle Istituzioni Campane. Saranno questi, in sintesi, gli obiettivi da perseguire se veramente si vuole sviluppare e rilanciare Atitech.

Napoli 15 ottobre 2009

Segreteria Nazionale SdL Intercategoriale T.A

Pasquale Vitiello

 
< Prec.   Pros. >

page counter