Home arrow Comunicati Stampa arrow L'Assemblea del 3 Ottobre: al via la costituzione del nuovo sindacato di base
L'Assemblea del 3 Ottobre: al via la costituzione del nuovo sindacato di base PDF Stampa E-mail
domenica 04 ottobre 2009

Image  SABATO 3 OTTOBRE 2009 - GLI STATI GENERALI DEL SINDACALISMO DI BASE PER LA COSTITUENTE DELLA CONFEDERAZIONE ITALIANA DEL SINDACATO DI BASE 

GUARDA LA GALLERIA FOTOGRAFICA

Si è svolta ieri a Roma, alCentro Congressi Frentani, ed ha coinvolto centinaia di delegati ed attivisti del sindacalismo di base di RdB, di SdL, dello Snater e di altre organizzazioni di base.

Le prossime scadenze sono la manifestazione del 17 ottobre contro il razzismo e le "leggi di sicurezza" varate dal governo e lo SCIOPERO GENERALE del 23 ottobre con la manifestazione nazionale di Roma.

Ma da quest'Assemblea si esce soprattutto con la consapevolezza che l'avvio della costituzione della nuova Confederazione del Sindacato di Base è cosa certa ed avverà nel breve periodo.

Lavori in corso ....quindi...!

 

             Leggi un articolo di stampa

 

RAPPRESENTANZA SOCIALE · Assemblea nazionale RdB-Cub, SdL, Snater. Poi tutti al corteo dei precari

Confederazione del sindacato di base, ora si fa sul serio

Da Il Manifesto del 4 Ottobre 2009
Francesco Piccioni
ROMA


«Si è chiusa la fase della discussione, inizia quella della costruzione». Il soggetto è la «confederazione del sindacato
di base», prodotto ed evoluzione di oltre trenta anni di prassi rivendicative «dal basso», fuori dalla logica della
«concertazione». Quella di ieri, nella sala dei Frentani, non è stata un’assemblea tra le tante, ma l’atto di nascita di un nuovo
soggetto sindacale. «Tutto da costruire», ma che intanto si lascia alle spalle «la vocazione autoreferenziale», propria di una
fase in cui – nel bene e nel male – la rappresentanza generale dei lavoratori era assorbita pressoché in toto dalla «triplice»
(Cgil, Cisl e Uil), mentre quelle categorie che dovevano pagare un prezzo più alto alle «liberalizzazioni» o alle privatizzazioni
erano quasi obbligate a rivolgersi fuori da quel recinto: e quindi o ai sindacatini corporativi oppure agli organismi «di base».

Quel tempo «è finito», spiegano Paolo Leonardi (RdB-Cub) e Fabrizio Tomaselli (Sdl). Ora c’è un governo e una classe imprenditoriale
che hanno decretato «lamorte della concertazione »; e pretendono (il ministro Sacconi dixit) «rapporti complici
» con chi di mestiere fa il sindacalista. Un cambio di marcia, viene notato, che sta creando non pochi problemi di visione e
di strategia anche all’interno della Cgil. Per questo il «soggetto sindacale unitario in costruzione non è interpretabile come
una semplice sommatoria di sigle», macome «un salto di maturità ». Non si tratta infatti più di «dar voce agli scontenti»,ma di
«interagire con i bisogni di milioni di lavoratori».

Il «colpo di reni» non viene immaginato come un facile atto di volontà. «Si torna ai fondamentali del fare sindacato; conflittuale,
di massa, democratico, indipendente», capace quindi di «esser presente in azienda e nel territorio, ma anche di offrire
servizi al di fuori delle esigenze strettamente legate al lavoro».
Qui viene vissuta con un certo fastidio l’immagine costruita addosso al sindacalismo di base, che li descrive come dei patiti
della «conflittualità fine a se stessa». «Abbiamo firmato migliaia di contratti e di accordi, nel pubblico impiego, in Alitalia, alla
Rai, in centinaia di aziende grandi e piccole, a cominciare dal trasporto pubblico locale». Certo, «non stiamo lì con la penna
in mano a dir di sì a qualsiasi cosa la controparte pretenda».

 Il baricentro dell’azione sindacale, da queste parti, è solo «l’interesse dei lavoratori, che si devono poter esprimere liberamente
su tutto ciò che li riguarda, per condizioni di lavoro o salario».
Un sindacato che sarà una «confederazione», articolata in due macro-aree (pubblico e privato), in categorie e territori.
Perché «i lavoratori non sono più quelli degli anni ’70»,ma soprattutto
 perché «la precarietà è ormai una condizione generale, sul luogo di lavoro e fuori». Star chiusi dentro le vecchie trincee,
insomma, significherebbe sconfitta certa.

Qui, invece, si vuol «battere la rassegnazione». Alla fine, un rapido panino e poi di corsa al corteo dei precari della scuola.

leggi il comunicato stampa di preparazione

 
< Prec.   Pros. >

page counter