Home arrow Comunicati Stampa arrow ATITECH - Comunicato Stampa
ATITECH - Comunicato Stampa PDF Stampa E-mail
venerdì 11 settembre 2009
Apprendiamo dalla stampa e da un comunicato della Filt Cgil Campania, che il dott. Lettieri a nome della new-co che dovrebbe rilevare Atitech, ha illustato alle Segreterie Nazionali, non si sa quando e dove, il piano industriale strettamente legato all’acquisto dell’azienda napoletana. La Segreteria nazionale SdL Intercategoriale trasporto aereo, tiene a precisare che l’unico incontro alla quale ha partecipato con il Dott. Lettieri e stato il 24 aprile scorso a Palazzo Chigi, dove il rappresentante della new-co, aveva sia pur in modo sintetico rappresentato i punti cardine della propria proposta.

In quella sede, la Scrivente in splendida solitudine ha denunciato che l’iniziativa illustrata violava in modo palese quanto previsto dall’intesa nell’ambito dell’accordo quadro alitalia, per le aziende non rientranti nel perimetro Cai, Atitech in particolare.

Consapevoli dei rischi derivanti da un’iniziativa industriale apparsa da subito debole e insufficiente in tutti i suoi aspetti, i lavoratori dell’Atitech hanno sostenuto pesanti lotte per impedire quanto rischia di materializzarsi, arrivando a proclamare (sostenuti solo da SdL) tre giorni di assemblea permanente per richiedere un’assemblea con tutte le OO/SS, puntualmente negata.

Considerato quindi i precedenti e preso atto degli incontri che a quanto pare si stanno svolgendo, siccome abbiamo ancora ben impresso la sciagurata conduzione e l’esito della trattativa Cai, non vorremmo che il Dott. Lettieri e i Segretari Nazionali Confederali e l’UgL stiano pensando di chiudere la partita, con le solite firme a “prescindere” condite da prese di posizione goffamente assunte, dopo aver permesso con il proprio “silenzio” a Palazzo Chigi, al Governo e alla cordata Lettieri di arrivare ad un intesa sulla vendita di Atitech.

A scanso di equivoci, SdL Intercategoriale T.A e abbiamo la presunzione di ritenere la totalità dei lavoratori dell’Atitech, non permetteranno in alcun modo che qualcuno, magari che nulla a che fare con il Trasporto aereo e l’Atitech stessa, decida per nome e per conto dei lavoratori per giunta senza alcun mandato. SdL Intercategoriale T.A, continuerà ad indire, a promuovere e sotenere tutte le iniziative necessarie per rivendicare un futuro per Atitech, contro ogni ipotesi di tagli occupazionali e salariali,di ridimensionamento, propedeutici magari a favorire interessi finanziari legati anche alla preannunciata delocalizzazione dello scalo napoletano.

Fco 11 settembre 2009

Segreteria Nazionale SdL intercategoriale T.A - Pasquale Vitiello

 
< Prec.   Pros. >

page counter