Home arrow Comunicati Stampa arrow No all'aumento dell'età pensionabile per le donne
No all'aumento dell'età pensionabile per le donne PDF Stampa E-mail
luned́ 13 luglio 2009

Image Netta opposizione del SdL intercategoriale all' aumento dell'età pensionabile delle donne nel pubblico impiego, intervento che sarà inserito nel decreto anti-crisi all'esame del Parlamento, come annunciato dal ministro per la Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta.

La segreteria nazionale dell’SdL intercategoriale, annuncia "ogni forma di opposizione possibile per evitare ulteriori interventi sull’età pensionabile spacciata per eguaglianza.

La vera eguaglianza la si raggiunge riducendo l’età pensionabile delle lavoratrici del settore privato, possibile grazie all’attivo dell’INPS , oltre far crescere le pensioni di tutti quei lavoratori che pagheranno con il proprio futuro gli errori del passato ed il reddito di quei giovani e quei precari altrimenti destinati ad un futuro di indigenza.

Il fatto che Brunetta annunci una preventiva consultazione dei sindacati fa venire i brividi; non dimentichiamo che le controriforme degli anni scorsi sono state possibili da una sfacciata accondiscendenza dei principali sindacati all’impoverimento delle pensioni.

E’ scandaloso che il Governo che ha recentemente elargito centinaia di milioni di € alle banche non trovi altro modo per far cassa che mettere mano alle pensioni delle donne del pubblico impiego SdL Intercategoriale

Roma, 13 luglio 2009

SdL Intercategoriale

 
< Prec.   Pros. >

page counter