Home arrow Comunicati Stampa arrow "i soldi ci sono e i posti anche "…
"i soldi ci sono e i posti anche "… PDF Stampa E-mail
marted́ 05 maggio 2009

comunicato stampa

DIPENDENTI PRECARI DEL PUBBLICO IMPIEGO

"I SOLDI CI SONO E I POSTI ANCHE "…

PAROLA DEL MINISTRO BRUNETTA! I PRECARI SONO AVVISATI

dichiarazione di Margherita Recaldini Segreteria nazionale SdL intercategoriale

Non passa giorno senza che lo scoppiettante ministro Brunetta ci lasci a digiuno di una delle sue tanto propagandistiche quanto approssimative dichiarazioni. Una delle più recenti riguarda la stabilizzazione delle centinaia di migliaia di precari del pubblico impiego,che attendono una chiara definizione delle modalità con cui potrebbero o dovrebbero essere stabilizzati. Già sulla quantificazione dei precari siamo alla solita mistificazione: secondo le stime del ministro sarebbero solo 15.746 quelli in possesso dei requisiti nei circa 4 mila enti che hanno risposto al suo questionario. Sorprendenti poi le dichiarazioni di Brunetta sulla possibilità reale di stabilizzazione: "i processi di regolarizzazione sono stati fatti bene e in abbondanza dalle amministrazioni. Potrebbero continuare a farlo perché i soldi ci sono, ma non si capisce - dice il ministro – perché non lo fanno". E rivolgendosi direttamente agli enti pubblici afferma: "Prendeteli, oppure dite che non li volete più". Un’affermazione da prendere al balzo dal momento che i vari enti pubblici, molti dei quali hanno interrotto i processi di stabilizzazione, stanno trincerandosi dietro veri o presunti impedimenti, derivanti da norme nazionali di dubbia interpretazione, oltre che dietro la tradizionale mancanza di risorse in conseguenza dei tagli. Delle due l’una : o mente Brunetta o mentono le pubbliche amministrazioni. In ogni caso è giunto il momento di fare chiarezza: i precari hanno la possibilità di verificare che cosa ha risposto la propria amministrazione al questionario di Brunetta chiedendolo direttamente al proprio ente. Non possono essere proprio loro, in un momento di crisi da tutti riconosciuta, a pagare eventuali inadempienze di amministratori e dirigenti. I precari sono avvisati: è il momento di far sentire la propria voce e di stilare in proprio le liste delle lavoratrici e dei lavoratori da stabilizzare confrontandole con quelle redatte dalla propria amministrazione!

Roma, 4 maggio 2009

scarica il comunicato stampa

 
< Prec.   Pros. >

page counter