Home arrow rassegna stampa arrow L'acqua un diritto? Non c'è accordo - E' solo "un bisogno fondamentale"
L'acqua un diritto? Non c'è accordo - E' solo "un bisogno fondamentale" PDF Stampa E-mail
lunedì 23 marzo 2009

E' il compromesso raggiunto dopo una settimana di discussione Secondo le Nazioni Unite, più di un miliardo di persone soffrono la sete

Da La Repubblica on line

ROMA - Secondo l'ultimo rapporto delle Nazioni Unite, dal 2030 metà della popolazione mondiale potrebbe essere al di sotto della soglia minima rispetto al fabbisogno giornaliero di acqua. Una ragione in più per dare valore alla Giornata mondiale dell'acqua, istituita dall'Onu nel 1992, all'interno delle direttive dell'agenda 21, risultato della conferenza di Rio de Janeiro. Ma a Istanbul, dove si è concluso oggi il World Water Forum, i rappresentanti degli Stati non sono riusciti a raggiungere un accordo su un documento comune. In tanti chiedevano che si affermasse un "diritto all'acqua". Ma la dichiarazione finale è più generica: si afferma che l'accesso all'acqua è un bisogno fondamentale umano. Il testo del documento enumera un certo numero di impegni per meglio gestire la richiesta di acqua e per favorire l'accesso ai servizi igienico-sanitari di cui 2,5 miliardi di persone sono ancora del tutto prive, o ancora lottare contro l'inquinamento dei corsi d'acqua, come delle falde del sottosuolo. "E' un documento importante - conclude il ministro turco dell'Ambiente Veysel Eroglu - che servirà da riferimento a livello governativo". Il quinto Forum mondiale sull'acqua, meeting a cadenza triennale, ha portato nella città turca oltre 30 mila congressisti, insieme a una ventina di capi di Stato e circa 180 ministri dell'Ambiente. Fuori dalle stanze dove i potenti hanno discusso c'erano i non invitati: le associazioni ambientaliste e i gruppi d'interesse che si battono contro la 'mercificazione' dell'acqua e hanno trovato un modo per farsi ascoltare attraverso un forum alternativo e varie iniziative. "La mancanza d'intervento sulle questioni che riguardano l'acqua non è un'opzione. L'acqua è una risorsa naturale limitata che può unire o dividere le comunità, è anche essenziale per garantire i diritti dei bambini", ha detto Clarissa Brocklehurst, referente Unicef per acqua, servizi sanitari e igiene. Secondo il presidente dell'Unicef Italia Vincenzo Spadafora la buona notizia è che "l'87% della popolazione mondiale, circa 5,7 miliardi di persone, sta oggi utilizzando acqua potabile proveniente da fonti migliorate". Ma, "al mondo più di 125 milioni di bambini sotto i cinque anni vivono in famiglie senza accesso a acqua potabile". Un numero maggiore è "senza servizi igienici, un totale di 2,5 miliardi di persone nel mondo". Secondo i dati dell'Onu, più di un miliardo e 200 milioni di persone non hanno accesso sufficiente alle fonti di acqua pulita e quasi altri due miliardi di esseri umani vivono senza servizi igienici. E la situazione è solo destinata a peggiorare se non si prenderanno provvedimenti rapidi, se è vero che, come stima l'Ocse, entro il 2030 saranno 3,9 miliardi le persone che vivranno in grave carenza di acqua e per la metà del secolo, quando si passerà dagli attuali sei miliardi e mezzo di abitanti a nove, questo problema riguarderà quasi la metà della popolazione mondiale, per lo più in Cina e nel sud dell'Asia. E mentre il tempo corre e il riscaldamento globale altera le sorgenti mondiali, c'è sempre più bisogno di agire in fretta, altrimenti il rischio è di veder sparire il futuro in un piccolo rivolo d'acqua tra le sabbie di un arido deserto. Un ulteriore allarme è stato lanciato oggi dalla Coldiretti, nel corso del "G8 Farmers Meeting" organizzato proprio in occasione della Giornata dell'acqua: nonostante un aumento della domanda di cibo dell'1,5% l'anno, un quarto della produzione alimentare mondiale potrebbe andar perso entro il 2050, proprio per l'impatto combinato del cambiamento climatico, il degrado dei suoli, la scarsità di acqua e le specie infestanti. "Di fronte alla crisi e ai cambiamenti climatici, se si vuole continuare a sfamare una popolazione che aumenta vertiginosamente, alle agricolture di tutto il mondo - sottolinea la Coldiretti - devono essere garantiti credito ed investimenti adeguati, anche per la raccolta e distribuzione dell'acqua, si devono applicare regole chiare per evitare che sul cibo si inneschino speculazioni vergognose e occorre garantire trasparenza e informazione ai consumatori sui prezzi e sulle caratteristiche degli alimenti".

(22 marzo 2009)

 

............................

Giornata mondiale dell'acqua: averla è un bisogno, non un diritto

Da L'Unità on line

È la Giornata mondiale dell'acqua, un bene comune a cui ancora milioni di persone non hanno diritto. Ne hanno discusso in questi giorni al World Water Forum, a Istanbul, 30 mila congressisti, insieme a una ventina di capi di Stato e circa 180 ministri dell'ambiente di tutto il mondo. A loro è affidato il difficile compito di trovare un'intesa tra le multinazionali, che hanno tutto l'interesse a considerare l'acqua una merce come le altre, e chi invece è convinto che sia un diritto umano inalienabile. Che è drammaticamente a rischio. Secondo le Nazioni Unite, la pressione demografica rischia di essere la causa della probabile e imminente crisi delle risorse idriche che colpirà il nostro pianeta. Secondo i dati dell'Onu, più di un miliardo e 200 milioni di persone non hanno accesso sufficiente alle fonti di acqua pulita e quasi altri due miliardi di esseri umani vivono senza servizi igienici. E la situazione è solo destinata a peggiorare se non si prenderanno provvedimenti rapidi, se è vero che, come stima l'Ocse, entro il 2030 saranno 3,9 miliardi le persone che vivranno in grave carenza di acqua e per la metà del secolo, quando si passerà dagli attuali sei miliardi e mezzo di abitanti a nove, questo problema riguarderà quasi la metà della popolazione mondiale, per lo più in Cina e nel sud dell'Asia. Ad aggravare la situazione, c'è anche il riscaldamento globale, che altera la natura delle sorgenti e accelera il processo di desertificazione. Nel documento finale del Forum di Istanbul, purtroppo, si legge che l'accesso all'acqua è un bisogno fondamentale umano e non un diritto. Il testo del documento enumera un certo numero di impegni per meglio gestire la richiesta di acqua e per favorire l'accesso ai servizi igienico-sanitari di cui 2,5 miliardi di persone sono ancora del tutto prive, o ancora lottare contro l'inquinamento dei corsi d'acqua, come delle falde del sottosuolo. 22 marzo 2009

 
< Prec.   Pros. >

page counter