Home arrow rassegna stampa arrow Retribuzioni, a dicembre 2008 3,8% tendenziale, 0,3 mensile
Retribuzioni, a dicembre 2008 3,8% tendenziale, 0,3 mensile PDF Stampa E-mail
marted́ 03 febbraio 2009

Nell'intero anno appena trascorso, l'aumento è stato del 3,5%, il più alto dal 1997 Merito del rinnovo di molti contratti e dell'indennità di vacanza contrattuale nella p.a. Da Repubblica.it ROMA - Le retribuzioni del dicembre 2008 sono aumentate del 3,8% rispetto a dicembre 2007, e dello 0,3% rispetto al mese precedente. Lo comunica l'Istat. Nella nota, l'istituto di statistica ricorda anche che l'inflazione, sempre a dicembre, si era assestata a 2,2%. Nel dettaglio, a dicembre i salari sono cresciuti su base tendenziale del 2,7% in agricoltura, del 3,5% nell'industria, del 4,1% nei servizi e del 4,3% nella Pubblica amministrazione. Guardando invece all'intero 2008, vediamo come le retribuzioni siano salite in media del 3,5% - la più alta dal 1997 - a fronte di un costo della vita in aumento del 3,3%. Quanto alle cause, l'incremento dell'indice delle retribuzioni orarie contrattuali deriva dagli aumenti tabellari in alcuni contratti (commercio, servizi portuali, credito) e dal pagamento dell'indennità di vacanza contrattuale per il biennio 2008-2009 all'insieme dei dipendenti delle amministrazioni centrali, costituito da ministeri, scuola, agenzie fiscali e monopoli, attività dei vigili del fuoco, presidenza del consiglio dei ministri. Sempre a dicembre, è stato rinnovato il contratto società e consorzi autostradali: i primi aumenti saranno corrisposti con le mensilità di gennaio 2009. E in effetti a dicembre calano, rispetto allo scorso anno, i dipendenti in attesa di rinnovo del contratto: la quota è pari al 28,7%, quasi invariata rispetto al mese precedente (28,8%) e in forte calo rispetto a dicembre 2007. Alla fine del mese risultano in vigore 50 accordi, che regolano il trattamento economico e normativo di circa 8,7 milioni di dipendenti, cui corrisponde un'incidenza in termini di monte retributivo pari a 68,4%. Sono invece scaduti 26 accordi, relativi a circa 3,5 milioni di dipendenti e al 31,6% del monte retributivo totale. (2 febbraio 2009)

 
< Prec.   Pros. >

page counter