Home arrow Notizie internazionali arrow Forum sociale mondial a Belem dal 27 gennaio al 1 febbraio
Forum sociale mondial a Belem dal 27 gennaio al 1 febbraio PDF Stampa E-mail
mercoledì 21 gennaio 2009
Image Dal 27 gennaio al 1 febbraio 2009 a Belem (Para), nel cuore dell'Amazzonia decine di migliaia di delegati provenienti da più di 4000 movimenti, popoli indigeni, sindacati, realtà della società civile, ONG e chiese danno vita alla IX edizione del Forum sociale mondiale dimostrando, a partire dalle proprie pratiche e proposte concrete, che un altro mondo è già possibile. Il World Social Forum, che si terrà presso le università Federal do Pará (UFPA) e Federal Rural da Amazônia. (UFRA), è uno spazio aperto, plurale, diversificato, non governativo e non di parte che stimola la discussione, e la riflessione, decentrata per costruire esperienze di scambio ed alleanze tra i movimenti e le organizzazioni impegnate in azioni concrete per un mondo più giusto e democratico.

Perché ci sono milioni di donne e uomini, organizzazioni, reti, sindacati in tutte le parti del mondo che lottano, con tutta la ricchezza della loro pluralità e diversità e le loro alternative e proposte, contro il neoliberismo, la guerra, il colonialismo, il razzismo e il patriarcato. Essi affrontano da anni crisi ed emergenze sociali, ambientali, economiche e finanziarie grazie all'autorganizzazione popolare, dal basso.

A Belem si incontreranno movimenti e realtà provenienti da Argentina, Bangladesh, Belgio, Bolivia, Brasile, Burkina Faso, Canada, Cile, Cina, Colombia, R.D. Congo, Costa d'Avorio, Cuba, Danimarca, Repubblica Dominicana, Ecuador, Egitto, Inghilterra, Finlandia, Francia, Guyana francese, Germania, Guinea, Haiti, India, Israele, Italia, Giappone, Giordania, Libia, Kenya, Mali, Messico , Marocco, Nepal, Paesi Bassi, Nicaragua, Nigeria, Norvegia, Pakistan, Palestina, Paese Basco, Paraguay, Perù, Filippine, Russia, Senegal, Sud Africa, Spagna, Svezia, Svizzera, Tanzania, Turchia, Uruguay, Stati Uniti, Venezuela, Zambia, Zimbabwe, e molti altri Paesi...

SdL Intercategoriale partecipa al Forum Sociale Mondiale ed è tra i promotori degli Spazi di Convergenza e di Incontro dei diversi Network che hanno l'obiettivo di discutere delle alternative e delle strategie che i movimenti intendono mettere in atto per fronteggiare la Crisi Economica Globale e le sue conseguenze.

SdL Intercategoriale partecipa inoltre alle attività promosse dalla Rete Mondiale "Lavoro e Globalizzazione".

Attività co-organizzate da SdL intercategoriale:

1. La politica commerciale dell'Unione Europea in America Latina (1): smascherando l'Europa Globale e gli Accordi di Associazione.   In questo seminario si discuteranno gli impatti degli Accordi di Associazione dell'Unione Europea con i diversi paesi dell'America Latina e dei Caraibi, così come delle alternative politiche emergenti che permettono di garantire i diritti fondamentali dei popoli e la gestione democratica delle risorse naturali. In particolare verrà fatta un'analisi della strategia "Europa Globale, competere nel mondo", inclusi gli impatti all'interno della stessa Unione Europea.

2. La politica commerciale dell'Unione Europea in America Latina (2):  strategia di resistenza bi-regionale e alternative.   L'obiettivo è quello di promuovere sinergie tra i movimenti e organizzazioni sociali dell'America Latina, dei Caraibi e dell'Unione Europea, nell'ottica della ricerca di una integrazione solidale, equa e complementare in funzione degli interessi dei popoli.

Co-organizzatori: Rete bi-regionale Europa-America Latina e Caraibi "Enlazando Alternativas", Alianza Social Continental (ASC), Spazio Marx, Attac Francia, Transnational Institute (TNI), Ecologistas en accion, France-Amerique Latine, CADTM, Gruppo della Sinistra Unita Europea (GUE), SdL Intercategoriale, Associazione A Sud, Solidarietà Svezia-America Latina (SAL), Seattle to Bruxelles Network, OWINFS (Our world is not for sale)

3. Smantellando il potere delle multinazionali: esperienze e strategie dei popoli dell'America Latina e Europa:   L'obiettivo è discutere e studiare piani di azione comune tra organizzazioni e reti della società civile, sindacati e movimenti sociali, contro le Multinazionali, i principali beneficiari della globalizzazione neoliberista e della sua ideologia. A partire dalla fruttuosa esperienza tra la rete bi-regionale Enlazando Alternativas e il Tribunale Permanente dei Popoli, il seminario offre la possibilità di scambiare punti di vista sulle mobilitazioni e le campagne contro gli abusi delle multinazionali, in particolare per quanto riguarda i beni comuni, la difesa dei servizi pubblici, e del settore pubblico in generale, così come la lotta contro le istituzioni finanziarie internazionali e contro il debito estero.

Co-organizzatori: Rete bi-regionale Europa-America Latina e Caraibi "Enlazando Alternativas", Seattle to Bruxelles Network, OWINFS (Our world is not for sale), Via Campesina, Transnational Institute (TNI), ), Ecologistas en accion, Osservatorio delle Multiinazionali in America Latina (OMAL), France-Amerique Latine, Attac Francia, CADTM, Gruppo della Sinistra Unita Europea (GUE), SdL Intercategoriale, Associazione A Sud, Tribunale Permanente dei Popoli, Observatorio de la Deuda en la Globalizacion (ODG)

Nell'ambito della rete bi-regionale Enlazando Alternativas, SdL Intercategoriale promuove anche:

- Migrazioni senza muri né direttive (1): l'Europa Globale/Fortezza e la situazione dei migranti in America Latina e Europa

- Migrazioni senza muri né direttive (2): costruendo resistenze biregionali e alternative per i movimenti sociali e dei migranti

- Giustizia climatica (1): sfide per la costruzione della giustizia climatica

- Giustizia climatica (2): spazi di convergenza tra reti e strategie per un movimento per la giustizia climatica

- Crisi globale (1): spazi tra reti per discutere alternative

- Crisi globale (2): spazi tra reti per discutere strategie

www.fsm2009amazonia.org.br/

altre informazioni sul Social Forum

 
< Prec.   Pros. >

page counter