Home arrow rassegna stampa arrow Lavoro, due operai morti a Pavia e nel leccese
Lavoro, due operai morti a Pavia e nel leccese PDF Stampa E-mail
mercoledì 24 dicembre 2008

Da Unità on line

Un operaio di 48 anni, F.G., è morto in un'azienda di Casei Gerola, in provincia di Pavia, schiacciato da alcune tavole metalliche cadute da un muletto. L'incidente, in base a quanto riferito dal 118 di Pavia, si è verificato intorno alle 7.45 presso la ditta di serramenti All.Ser di via Aldo Moro. Il lavoratore, sposato con due figli, è stato colpito da alcune tavole metalliche che, secondo quanto hanno ricostruito i carabinieri di Casei Gerola, sono cadute da un muletto per la rottura di una delle fasce di protezione che le trattenevano fissate al mezzo di trasporto. Le tavole, che venivano in quel momento scaricate da un camion, sono cadute da un'altezza di tre metri e hanno colpito l'uomo alla testa, uccidendolo sul colpo. Sul posto, oltre al 118 e ai carabinieri, sono intervenuti anche i vigili del fuoco e personale della Asl. Sul corpo dell'uomo è stata disposta l'autopsia. E un altro incidente è avvenuto nel leccese: un operaio edile, Antonio Campilongo, di 60 anni, di San Pietro in Lama, ha perso la vita a Lequile. L'uomo era impegnato in alcuni lavori sul tetto di un'abitazione in costruzione in via Verona. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, l'operaio ha perso l'equilibrio precipitando da un'altezza di circa tre metri. Soccorso dai colleghi e accompagnato dai sanitari del 118 all'ospedale Vito Fazzi di Lecce è morto qualche ora dopo nel reparto di rianimazione. Sull'accaduto indagano i carabinieri e gli ispettori dello Spesal. Da una prima ispezione il cantiere sarebbe risultato a norma.

 
< Prec.   Pros. >

page counter