Home arrow rassegna stampa arrow La "privilegiata" hostess Amanda schiavizzerà la tata
La "privilegiata" hostess Amanda schiavizzerà la tata PDF Stampa E-mail
domenica 23 novembre 2008

ALITALIA · Il personale di volo «scopre» le norme contrattuali firmate da Cgil, Cisl, Uil e Ugl «Schiavizzerò la tata»

Amanda *

Ho 40 anni, da 20 lavoro come assistente di volo in Alitalia, sono separata ed ho due figli minori in affidamento. E’ mia intenzione aiutare il manifesto ad uscire in edicola per i prossimi 100 anni almeno,ma non disponendo di grandi risorse finanziarie ho ritenuto utile, oltre ad abbonarmi, regalarvi uno scoop – magari non da prima pagina: Cgil, Cisl, Uil, Ugl hanno firmato il 14novembre il contratto per il personale della «Nuova Alitalia» (la Cai di Colaninno & co.). Mi spiego. Il 15 mi è arrivata una mail da una collega, con un allegato dal titolo inquietante «sezione B – Assistenti di Volo». Rimango interdetta; conosco la collega da anni, è un’amica di solito affidabile e comeme fa parte di quel gruppo di lavoratori denominato «fronte del no» e descritti da tutti i mezzi di comunicazione come faziosi, ideologicamente conservatori, privilegiati, con così poco carattere da farsi strumentalizzare dal primo sindacalista autonomo che passa, così poco intelligenti da non riuscire a vedere lemille tutele presenti negli accordi sottoscritti in questi 2 mesi dai confederali, cosìmiopi intellettualmente da non comprendere la portata storica della grande operazione di salvataggio dell’Alitalia; ed anche un po’ gretti per l’ingratitudine dimostrata nei confronti della salvifica patria cordata. Navigo per ore sui siti dei sindacati firmatari cercando la conferma dell’esistenza di questo documento enon trovo neanche un volantino, figurarsi l’indizione di un’assemblea per spiegarcelo. Decido di leggere queste pagine siglate una per una e subito mi accorgo che il documento è vero o quantomeno verosimile. Il primo campanello di veridicità me lo dà la baseMilanomiracolosamente definita una e trina, comela triplice. Gli aeroporti di Malpensa, Linate, Bergamo costituiscono qui un’unica «base di servizio» e nella miamente si trasformano nei vertici del triangolo delle Bermude. Una domanda sorge spontanea: se parto daMalpensa e parcheggio lì lamacchina, il volo di rientro a fine turno è previsto sempre suMalpensa o posso atterrare anche a Bergamo o Linate? Naturalmente sul contratto non c’è scritto niente,ma i sindacati confederali avranno il tempo di chiarire questo punto in corso d’opera, con un ennesimo bell’accordo, cedendo magari un aumento di stipendio per la certezza di poter riprendere lamacchina e tornare a casa senza dover girovagare per il triangolo. Ho già davanti agli occhi i titoli dei volantini: grande vittoria sindacale! La conferma che il contratto è vero ce l’ho al capitolo «riposi». I riposi sono 30 nel trimestre, ma il numerominimo nel mese è fissato ad 8; di questi, 2 nel periodo estivo (1maggio-31 ottobre) e 3 nel periodo invernale sono inamovibili, 4 per esigenze di servizio possono essere spostati, rinviati o cancellati. Ma cos’è sta roba qui? Il quiz della Susi sulla Settimana Enigmistica? Ma io quando saprò di essere di riposo, giorno per giorno? A occhio e croce capisco che sono nei guai con l’organizzazione familiare, sempre se dovessi essere assunta. E poi ho una botta di genio. Se è vero che il lavoro si può appaltare, subappaltare, stagionalizzare, precarizzare e via dicendo, allora forse anche la tata si può subschiavizzare. D’altra parte, se posso lavorare 7 giorni su 7, con 13,30 ore di servizio, avendo 2 o 3 riposi fissi al mese, 30 giorni di ferie calanderiali (ossia sabati, domeniche, festività in genere incluse) che contratto posso proporre se non una nuova formula di schiavitù moderna per la tata? Ho ancora un paio di problemi per i quali non ho trovato una soluzione.Ho un compagno che fa il pilota, per il quale, oltre a tutto quello previsto anche per me, potrebbe essere richiamato dalle ferie per esigenze operative. Come posso far inserire una clausola che preveda almenoun orgasmomensile garantito per contratto? E se i bambini, con maggiore vigore di prima, vista la miamutazione contrattuale, insistessero per trascorrere un po’ di tempo con me – come fanno le mamme degli amichetti – posso chiedere magari un «congedo causa Edipo»? Spero di trovare l’ispirazione guardando il calendario della nostra ministra delle PariOpportunità, che in questi mesi si èmolto prodigata per la tutela delle donne lavoratrici che, con il vento che tira, rischiano l’estinzione più velocemente delle foche monache; anche il metodo usato è molto simile. Le bastonate. A voi compagni del manifesto chiedo di verificare quanto qui scritto e possibilmente di smentirmi così da farmi dormire sonni tranquilli,

* hostess Alitalia

 

....................

Innovazione - IL CONTRATTO SEGRETO

Una rapida verifica non ci permette, purtroppo, di tranquillizzare Amanda. Quel contratto (33 pagine) è, ahilei, autentico. Così come il gemello (20 pagine) riguardante i piloti comandanti, assimilati ai «dirigenti». Entrambi sono sottoscritti, pagina per pagina, da Franco Nasso (Filt Cgil), Claudio Claudiani (Fit Cisl), Roberto Panella (Ugl) e una firma illegibile per conto della Uiltrasporti. Ricordiamo che in prima battuta il segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani, si era astenuto dal siglare l’accordo generale riguardante le due categorie del personale di volo, in base a una considerazione di principio che dovrebbe valere sempre: «non si può firmare per chi non si rappresenta». E in Alitalia, i dipendenti delle due categorie del personale navigante – piloti e assistenti di volo – non sono iscritti, a stragrande maggioranza, a nessuno dei sindacati firmatari.

 
< Prec.   Pros. >

page counter