Home arrow Notizie internazionali arrow Un'altra europa è possibile
Un'altra europa è possibile PDF Stampa E-mail
lunedì 01 settembre 2008

ImageIl Forum Sociale Europeo (FSE) arriva in Svezia a Malmö!

Dal 17 al 21 settembre 2008 si terrà la quinta edizione del FSE a Malmö. Sono attesi più di 20.000 partecipanti provenienti da tutta l’Europa, di movimenti sociali, organizzazioni e associazioni, che vogliono scambiarsi esperienze, ma soprattutto trovare insieme proposte e strategie, costruire alleanze nell’intento comune di battersi per un’Europa più democratica, più giusta, più solidale e più ecologista: un'ALTRA EUROPA.

I cinque giorni del Forum conterranno di tutto, più di 200 seminari e workshops, tanti concerti, films, spettacoli teatrali, eventi culturali, manifestazioni e un’infinità di incontri informali tra quanti vogliono partecipare in prima persona nella lotta per rendere possibile un altro mondo.

Il FSE non è dunque un forum di discussione, ma si batte per cambiare l’Europa. Quest’anno il Forum si terrà per la prima volta in un Paese del Nord Europa. Questo ci offre la possibilità di costruire più direttamente relazioni con i movimenti sociali di quei Paesi e conoscere da vicino l’evoluzione di una società civile progressista. Per l’Europa le speranze sono grandi. I paesi nordici ci ispirano con la loro tradizioni di educazione popolare, il loro modello di welfare e di uguaglianza tra i sessi. Certo siamo ben consci che anche il sistema di welfare di quei Paesi non è senza scappatoie per il liberismo e ancor di più che gli attacchi anche a quel modello diventano sempre più aggressivi e che l’ingiustizia e il divario tra ricchi e poveri aumentano anche lì come nell’insieme della società.

Il FSE 2008 sarà inaugurato mercoledì 17 settembre alle 18:00 con interventi e rappresentazioni culturali di tutto il mondo, dal locale al globale. Le attività culturali cominceranno già dalle 12:00. Durante i giorni del Forum i seminari e i workshops si terranno dalle 9:30 alle 21:00 il giovedì e il venerdì e dalle 9:30 alle 12:30 il sabato e la domenica. Sabato sarà il giorno della grande manifestazione. Il corteo partirà da Rosengård e finirà a Pildammsparken con una grande festa. La domenica il Forum terminerà con la presentazione delle future iniziative, delle campagne e dei risultati del lavoro di reti e assemblee dei giorni precedenti.

Cos’è il FSE?

Il Forum Sociale Europeo (FSE o ESF, European Social Forum) è la versione continentale del Forum Sociale Mondiale (FSM o WSF, World Social Forum).

Il primo FSM si è tenuto a Porto Alegre nel 2001, come una reazione contro l’acuirsi del già grande divario tra il nord e il sud del mondo e l’aggravarsi e il moltiplicarsi delle ingiustizie. Contro le multinazionali vogliamo sostenere e il bene di una élite, vogliamo sostenere una globalizzazione popolare e difendere i beni comuni, creare un forum sociale, appunto: un luogo d’incontro per tutti i sindacati del mondo, per le organizzazioni contadine, per i movimenti femministi, per gli ambientalisti, per i disoccupati, per quelli che vivono nelle bidonvilles, tutti insieme per scambiare esperienze, conoscere e prendere in considerazione le rotte della mondializzazione alternativa e costruire alleanze. Insomma una forza che si esprima a livello mondiale per cambiare un’evoluzione nefasta.

Il forum di Malmo del 2008 sarà la quinta edizione del FSE. Il primo si è tenuto a Firenze nel 2002, poi Parigi nel 2003, Londra nel 2004, e l’ultimo ad Atene nel 2006. E’ a Firenze che sono state organizzate le grandi manifestazioni del 2003 contro la guerra in Iraq. Comunque i forum sociali non sono organismi che prendono decisioni politiche. Nei forum sociali non si vota per formulare un decreto ufficiale, né si lotta per il potere. Il forum si costruisce per e con l’aiuto di tutti gli attivisti e le organizzazioni che lo costituiscono. La sua forza creativa sta proprio negli incontri, nelle alleanze, nelle strategie che si elaborano e nelle alternative che si producono. Il FSE è un luogo d’incontro aperto, dove tutti quelli e quelle che lì si trovano hanno un punto in comune: la convinzione che un’altra Europa è possibile, convinzione indispensabile per noi e per il mondo intero, dove il fondamentalismo del neoliberismo devono cedere per far posto a una democrazia che sia al fine popolare - alla giustizia, alla solidarietà e a uno sviluppo sostenibile.

da www.esf2008.org

------------------------------------------------------------------------------------------------------

Come nelle precedenti edizioni anche quest’anno una delgazione di SdL Intercategoriale parteciperà al Forum Sociale Europeo di Malmo. Tra le altre attività SdL Intercategoriale - oltre alla partecipazione alle sessioni di lavoro di diversi network (lavoro, precarietà, migranti, donne) - è coopromotore, insieme ad altri soggetti sociali e sindacali, italiani e di altri paesi, di vari seminari:

  • Estensione del trasporto pubblico come strumento per affrontare il cambiamento climatico
  • Combattere la precarietà e affrontare la flexsecurity, sviluppo delle alternative
  • Sviluppare strategie contro la legislazione del lavoro in Europa con particolare attenzione alle implicazioni dei recenti pronunciamenti della Corte europea
  • Modello sociale europeo, strategie per reclamare diritti sociali e servizi pubblici per tutti
  • “Europa globale”, l’impatto delle strategie commerciali della UE sul lavoro in Europa e nel sud del mondo. Quali alternative alla strategia del WTO
 
< Prec.   Pros. >

page counter