Home arrow rassegna stampa arrow Cinquemila esuberi, l'ira di sindacati e opposizione
Cinquemila esuberi, l'ira di sindacati e opposizione PDF Stampa E-mail
mercoledì 30 luglio 2008
http://notizie.tiscali.it/articoli/politica/08/luglio/30/alitalia_commissariamento_polemiche_332.html

Alitalia di nuovo sotto i riflettori: il cda di via della Magliana dovrà valutare il piano Fenice di salvataggio da 1 miliardo di euro, di cui 300 milioni provenienti dal prestito ponte del governo e i restanti 700 milioni dalla cordata italiana cui partecipano Ligresti, Sabelli, Benetton e Aponte. Il premier Silvio Berlusconi ha parlato di 5.000 esuberi che "verranno attutiti da alcune misure. Ci saranno degli scivoli, dei prepensionamenti. Inoltre misure di ammortizzatori sociali saranno accompagnate da altre soluzioni". Ma, avrebbe aggiunto il presidente del Consiglio, i sindacati non dovranno mettere il bastone tra le ruote, "altrimenti salta tutto". Verso il commissariamento - Alitalia verrà commissariata a fine agosto. Il Consiglio dei Ministri che si terrà il 29 del prossimo mese avrà all'ordine del giorno la modifica della legge Marzano, in particolare sui tempi per definire il piano industriale e la ripresa dell'attività. Fuori discussione anche il nome, il marchio e la livrea di Alitalia. Altra novità: nella nuova società entrerà Carlo Toto ma con Ap Holding e non direttamente con Air One, essendo questa troppo indebitata. La scelta del partner internazionale resta invece rinviata ad un secondo momento. Ancora non è chiaro il destino delle linee cargo, che potrebbero restare in Alitalia ma ridimensionateoppure vendute. Il Pd contro Berlusconi - Venire immediatamente in Senato, prima della pausa estiva, a riferire sull'Alitalia. E' quanto chiede il gruppo del Pd al Senato al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, con una lettera sottoscritta da 71 senatori, tra i quali la presidente Anna Finocchiaro, i vicepresidenti Luigi Zanda e Nicola Latorre, Marco Filippi, Marina Magistrelli e tutti i componenti della commissione Lavori Pubblici e Trasporti. L'opposizione soffia sul fuoco: secondo il segretario del Pd Walter Veltroni, "un nuovo intervento della mano pubblica peserà sui contribuenti solo per finanziare un problem ache si potevano risolvere se non si fosse fatto saltare l'accordo con Air France. Per Alitalia c'è bisogno di una soluzione elevata e internazionale". I sindacati: "Si faccia chiarezza" - Maggiore chiarezza e un confronto serio tra le parti. Lo chiedono i sindacati Filt/Cgil, Fit/Cisl, Uiltrasporti, Sdl e Ta in merito ad alcune dichiarazioni del presidente del Consiglio riportate dalla stampa. "La vicenda Alitalia - si legge nella nota - necessita di una chiara e diretta assunzione di responsabilità del Governo che si esprima con assoluta chiarezza e metta fine alla indiscrezioni quotidianamente diffuse dagli organi di informazione". "Lo stesso Berlusconi - proseguono le sigle sindacali - che oggi parla genericamente di sacrifici, solo due mesi fa ha determinato il fallimento della trattativa con AirFrance ritenendo inaccettabili i sacrifici richiesti dal piano francese condividendo alcune obiezioni sindacali". Secondo Guglielmo Epifani, segretario generale Cgil: "Il rincorrersi di voci incontrollate sul destino di Alitalia, che in queste ultime ore evocano un grande numero di esuberi e il commissariamento, destano preoccupazione ed allarme. Qualunque azione di rilancio della compagnia non può prescindere da un piano industriale serio e da una alleanza con un grande vettore internazionale, come quella che in queste ore è oggetto di trattativa fra British Airways e Iberia". Fini: "Il governo riferisca" - Anche la presidenza della Camera dei Deputati chiede chiarimenti all'esecutivo circa il piano Fenice. "Sarà premura della Presidenza pregare il governo di considerare le sue richieste, e di riferire all'Aula". E' quanto ha detto Gianfranco Fini, chiudendo la seduta pomeridiana alla Camera, in risposta alle sollecitazioni giunte dal vicecapogruppo Udc, Michele Vietti, proprio in merito a chiarimenti da parte del governo sul salvataggio della compagnia di bandiera.

 
< Prec.   Pros. >

page counter