Home arrow Redazionali arrow TORINO: IL GIUDICE CONDANNA LA NEW HOLLAND PER ANTISINDACALITÀ
TORINO: IL GIUDICE CONDANNA LA NEW HOLLAND PER ANTISINDACALITÀ PDF Stampa E-mail
giovedì 19 giugno 2008

Image L'AZIENDA DEVE RICONOSCERE TUTTI I DIRITTI SINDACALI AL DELEGATO RSU/RLS PASSATO DALLA FIOM A SDL INTERCATEGORIALE

Il Tribunale del Lavoro di Torino ha respinto il ricorso in appello della New Holland (confermando la sentenza di primo grado del 15 gennaio 2008 ex art. 28 dello Statuto dei Lavoratori) e riconosciuto la legittimità del ricorso presentato da SdL intercategoriale.

I FATTI

L’azienda, in seguito al passaggio di un delegato RSU/RLS della Fiom a SdL Intercategoriale, aveva deciso arbitrariamente di disconoscere allo stesso tutti i diritti sindacali e le prerogative obbligatoriamente dovute a tutti i rappresentanti RSU e RLS. SdL Intercategoriale aveva presentato ricorso per attività antisindacale.

Ricorso vinto in prima istanza in data 15 gennaio 2008. La New Holland era ricorsa caparbiamente in appello sostenendo che il passaggio del delegato ad altra sigla sindacale faceva decadere ogni prerogativa sindacale in capo allo stesso. Una interpretazione illegittima della normativa che nemmeno la Fiom ha ritenuto di sostenere.

Il Tribunale del lavoro di Torino con la decisione assunta in data odierna - respinge il ricorso dell’azienda - dichiara insussistente la materia del contendere tra New Holland e Fiom - dichiara che Elia Ezio (il delegato RSU/RLS passato dalla Fiom a SdL intercategoriale) ha diritto a vedersi riconoscere dall’azienda lo stato di RSU e RLS con le connesse prerogative - condanna l’azienda al pagamento delle spese legali - dichiara esecutiva la sentenza.

Una vittoria netta quindi che ribadisce quanto sostenuto sin dall’inizio di questa vicenda da SdL intercategoriale. Elia Ezio è stato eletto dai lavoratori e nessun’altro, se non i lavoratori stessi, può mettere in discussione il suo diritto ad esercitare le funzioni di RSU.

La sentenza cade proprio nel bel mezzo della vertenza aperta da SdL intercategoriale contro la direzione aziendale che da una parte continua a dichiarare di non nutrire alcuna avversione nei confronti di SdL intercategoriale (ma nel frattempo continua a rifiutarsi di operare la trattenuta sindacale in busta paga in nostro favore al pari di quanto riconosciuto agli altri sindacati) e dall’altra non perde occasione per ostacolare ogni nostra iniziativa sindacale tesa a migliorare le condizioni di lavoro in fabbrica.

Lavoratori interinali continuamente prorogati e illusi rispetto ad una stabilizzazione che non arriva mai, capi squadra zelanti che esercitano “pressioni” indebite sui lavoratori, reparti insalubri per la mancanza di un sistema di aspirazione dei fumi e privi di ventilazione adeguata per il ricambio d'aria: queste alcune delle questioni su cui chiediamo interventi immediati.

Per dire BASTA alla precarietà, per la conferma a tempo indeterminato degli interinali, per ambienti di lavoro più sicuri e più salubri, per ritmi di lavoro più umani SdL intercategoriale della New Holland ha proclamato, nell'ambito della giornata di mobilitazione nazionale del 20 giugno, promossa dai sindacati di base, uno SCIOPERO di 8 ore.

Uno sciopero che ha un doppio valore quindi:- per cambiare le condizioni di lavoro in fabbrica - per sostenere la piattaforma unitaria che SdL intercategoriale - Cub - Conf. Cobas intendono sottoporre a governo e Confindustria sulle questioni nazionali oggi sul tappeto: -dalla difesa del Contratto di lavoro nazionale contro l’arroganza di Confindustria che punta a ridurne la copertura in favore di una contrattazione decentrata “individualizzata” e legata all’ulteriore aumento della produttività e dello sfruttamento, - per la reintroduzione della scala mobile dei salari, per aumenti reali che recuperino il potere d’acquisto perso in questi anni, -per la sicurezza sul lavoro contro lo stillicidio quotidiano di morti bianche, - per la stabilità del posto di lavoro, per dire basta alla precarietà sul lavoro e nella vita.

Invitiamo i lavoratori a scioperare il 20 giugno e a partecipare al PRESIDIO davanti all’Unione industriali di Torino in via Vela a partire dalle ore 9

Torino, 18 giugno 2008

 
< Prec.   Pros. >

page counter