Home arrow Redazionali arrow Torino,FIAT Powertrain: giù le mani dal diritto di sciopero
Torino,FIAT Powertrain: giù le mani dal diritto di sciopero PDF Stampa E-mail
mercoledì 04 giugno 2008
Image UN FIRMA A SOSTEGNO DEI LAVORATORI CHE HANNO SCIOPERATO CONTRO GLI STRAORDINARI COMANDATI DI SABATO. I lavoratori della FIAT Powertrain di Torino che hanno aderito sabato 16 febbraio alla giornata di sciopero indetto da SdL intercategoriale contro il lavoro straordinario comandato in quella giornata si sono visti recapitare una lettera di contestazione (vedi allegato) per assenza ingiustificata.

Il coordinamento provinciale di Torino ha fatto immediatamente ricorso al giudice del lavoro contro la sanzione di un’ora comminata ai dipendenti che hanno deciso di non rispondere alla lettera di contestazione perché “non si è mai verificato, sino ad oggi, di dover avvisare preventivamente o giustificare successivamente la partecipazione ad uno sciopero”.
Nonostante l'evidente illegittimità del provvedimento, dopo 2 udienze il giudice non si è ancora espresso!
Per questo il Coordinamento torinese di SdL intercategoriale ha deciso di avviare una raccolta di firme tra i lavoratori di varie aziende torinesi (e non solo) sotto una petizione rivolta al giudice perché si esprima, nel solo modo possibile, ovvero imponendo alla FIAT la revoca dei provvedimenti, nella prossima udienza prevista per giovedì 5 giugno.
Pubblichiamo di seguito il testo della lettera che trovate anche in allegato. L’invito è quello di diffonderla e di sottoscriverla:

Ill.mo Giudice del lavoro
Tribunale di Torino

siamo lavoratori dipendenti di varie aziende torinesi e non;
vorremmo richiamare la sua gentile attenzione sulla nostra esperienza in materia di diritto di sciopero testimoniando quanto segue:

non si è mai verificato, sino ad oggi, di dover avvisare preventivamente o giustificare successivamente la partecipazione ad uno sciopero.

Non ci risulta che si sia mai verificato un caso di comunicazione dopo uno sciopero, da parte di un lavoratore, utile a estinguere la procedura di contestazione disciplinare: quando lo sciopero è dichiarato per l'intera giornata, gli assenti sono collocati automaticamente in sciopero.

Con ossequio.

Cognome Nome
Firma

Le firme raccolte vanno inviate al più presto al seguente numero di fax: 0113160118 o trasmesse via e-mail a Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
E' necessario che le firme raccolte vengano inviate entro le ore 12:00 del 5 giugno perché possano essere consegnate al giudice durante l’udienza convocata per le ore 15 di quello stesso giorno.
Il Coordinamento di SdL intercategoriale di Torino invita inoltre a partecipare al sit-in che si terrà davanti al Tribunale di Torino in concomitanza con l’udienza affinché il giudice abbia il coraggio di emettere la giusta sentenza senza timori reverenziali nei confronti della FIAT-Powertrain.
Il tempo è poco ma è importante sostenere con il maggior numero di fime possibili i lavoratori che si sono visti contestare il diritto di scioperare. La posta in gioco non riguarda solo i lavoratori coinvolti direttamente in questa vicenda: riguarda un diritto sindacale fondamentale di tutte le lavoratrici e i lavoratori! L’arroganza della FIAT va sconfitta sul nascere!

Ricordiamo che i lavoratori della FIAT Powertrain di Mirafiori, nonostante la “disponibilità” di FIM-FIOM e UILM a sottoscrivere l’accordo per l’introduzione dei 17 turni, lo scorso 18 dicembre hanno espresso a maggioranza il loro no alla ratifica di quell’accordo. Una sconfessione mal digerita dai sindacati che avevano già messo la firma sull’accordo oltre che dalla FIAT che avevamo così commentato: vedi
Respinto l'accordo alla Powertrain
I responsabili della precarietà aizzano i precari contro gli altri lavoratori

SdL intercategoriale - Coordinamento di Torino

In allegato la lettera indirizzata al giudice, la lettera di contestazione quella con cui i lavoratori sono stati sanzionati

 
< Prec.   Pros. >

page counter