Home arrow rassegna stampa arrow Ascoli: SdL intercategoriale "contro" Telecom
Ascoli: SdL intercategoriale "contro" Telecom PDF Stampa E-mail
venerd́ 09 maggio 2008
IL RESTO DEL CARLINO - 9 maggio
IL CASO
Da venti giorni senza telefono
Protestano i residenti di due frazioni
Lo denuncia il Sindacato dei lavoratori che si fa portavoce di una trentina di famiglie di Coperso e Rosara, che stanno subendo disagi fortissimi legati al cattivo funzionamento dei collegamenti telefonici e di internet. "Il problema, che si trascina da anni, con proteste iniziate nel 2006, continua a non essere affrontato"

Ascoli, 9 maggio 2008 - Un'odissea quella che trenta famiglie delle frazioni di Rosara e Coperso sono costrette a subire e dalla quale non si intravede una soluzione. I residenti stanno subendo disagi fortissimi legati al cattivo funzionamento dei collegamenti telefonici e di internet verso le loro abitazioni, e qualcuno è rimasto anche ‘al buio’ per alcuni giorni.

Lo denuncia il SdL, il sindacato dei lavoratori di Ascoli, che si fa portavoce dei cittadini delle due frazioni, su sollecitazione diretta di numerosi residenti del posto. "Da 20 giorni il collegamento telefonico delle due frazioni collinari di Ascoli non funziona, o operativo a corrente alternata e senza preavviso, e da da 20 giorni nessuno si è recato sul posto per si sistemare il problema in via definitiva. Ci meravigliamo che la situazione sia quella che ci hanno descritto e segnalato ripetutamente gli abitanti di Rosara e Coperso — dice Andrea Quaglietti, viceccordinatore SDL — perché non si riesce a capire come un grande gruppo telefonico nazionale, che ne avrebbe le risorse non intervenga nelle due frazioni e lasci semiabbandonati tanti cittadini e abbonati, chiedendo poi il pagamento intero della bolletta o di internet, quando il servizio non viene erogato o lo è in maniera inadeguata. Nelle due frazioni ascolane non ci sono solo uomini e donne, ma anche bambini e soprattutto anziani, che potrebbero aver bisogno di aiuto in maniera urgente e senza preavviso, trovandosi in condizioni critiche o in emergenza sanitaria".
"Non è possibile quindi — continua Quaglietti — che vengano lasciati al capriccio di una comunicazione che non si sa come e quando funziona". Molti residenti di Rosara hanno chiesto e sollecitato più volte l’azienda telefonica a provvedere alla sistemazione del cavo locale, ma senza ottenere nessun risultato utile. Il problema, che si trascina da anni, con disagi e proteste iniziate già nel 2006, continua a non essere affrontato e risolto.

"In passato – dice Quaglietti – sono stati effettuati solo interventi tampone, e mai risolutivi del problema in questione e delle difficoltà esistenti. Chiediamo che la Telecom si attivi presto per adeguare la rete dei collegamenti locali con le esigenze dei residenti delle due frazioni, realizzando quelle opere che sono necessarie a rispondere alle richieste dei cittadini-utenti del servizio".
 
< Prec.   Pros. >

page counter