Home arrow rassegna stampa arrow Morti sul lavoro:; tre operai perdono la vita
Morti sul lavoro:; tre operai perdono la vita PDF Stampa E-mail
lunedì 14 aprile 2008
IL MANIFESTO – 13 aprile
E' strage sul lavoro. Un operaio romeno di 22 anni è morto alla Benetton di Treviso. A Mantova e a Parma altre due vittime
Roma
Saadane Hocine è morto ieri sul lavoro a Castelbelforte, nel mantovano. Algerino, di 45 anni, è rimasto schiacciato tra i rulli di un macchinario sul quale stava facendo lavori di manutenzione. truttura.
Non è il solo. Anche un operaio romeno ha perso la vita in seguito a una caduta dall'alto ieri in provincia di Treviso. Si chiamava Benjamin Florian Coste, aveva 22 anni, ed è morto mentre eseguiva lavori di edilizia nello stabilimento Benetton di Castrette di Villorba. Nona vittima dall'inizio dell'anno in provincia di Treviso. In provincia di Parma ha perso la vita Salvatore De Santis, edile di 33 anni, schiacciato da una trave durante lavori di ristrutturazione di un casolare.
Di lavoro si continua a morire. In Italia, dal 2000, la media è di 1376 morti all'anno. Numeri incivili, di molto superiori a quelli degli altri paesi europei. Non c'è buona legge che tenga. Nei soli cantieri edili sono morte 237 persone l'anno scorso. Una volta su sei, dicono le statistiche, si tratta di immigrati.
Saadane lascia una moglie e due figli piccoli. Ieri mattina poco dopo le otto, all'inizio del turno, era al lavoro alla Amprica, una grande azienda del mantovano che produce imballaggi alimentari e conta circa un centinaio di dipendenti. Doveva fare manutenzione a un macchinario in movimento - nuovo, sembra - quando, per cause in corso di accertamento, è rimasto intrappolato tra i rulli della macchina ed è morto per le lesioni riportate al torace. Della dinamica dell'incidente mortale poco si sa. Anche alla Camera del lavoro di Mantova l'hanno appreso solo nel tardo pomeriggio. Sembra che Saadane fosse regolare e regolarmente assunto dall'azienda. Quando il collega di lavoro che gli era vicino si è accorto dell'accaduto, era già troppo tardi. Luigi Lottardi, della Cgil di Mantova, è sbigottito nell'apprendere la notizia. Uno sciopero è stato proclamato per lunedì nell'azienda del mantovano (dove si lavora a ciclo continuo) per l'intero turno di lavoro.
Poco invece si sa del giovanissimo operaio romeno che ha perso la vita in provincia di Treviso. E' morto cadendo da un'altezza di 18 metri, mentre eseguiva lavori edili nello stabilimento Benetton di Castrette di Villorba. Nello stabilimento sono in corso lavori di ingrandimento del centro logistico e dell'area magazzini, racconta Sergio Spiller, della categoria dei tessili della Cisl. I lavori sono stati dati in appalto e il giovane romeno lavorava - ma non si sa se fosse regolare o meno - per una di queste piccole aziende edili. Secondo i primi accertamenti il ragazzo sarebbe precipitato al suolo da una serranda di 'sovraimpressione', soccorso e trasportato all'ospedale di Treviso, è morto poco dopo.
Salvatore è morto schiacciato da una trave staccatasi dal soffitto all'interno di un casolare in ristrutturazione a Basilicagoiano (Parma). Aveva compiuto 33 anni giovedì scorso e lavorava nell'azienda edile del fratello. Il casolare, fatiscente, era già stato oggetto di alcuni crolli, ma l'azienda edile aveva avuto l'incarico di recuperarne la s
 
< Prec.   Pros. >

page counter