18-pensioni.jpg
Emergency punto it
dazebao
senza soste

Calendario eventi

« < Luglio 2020 > »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
29 30 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2
Ad oggi 197779850 Visitatori

il nuovo sito usb       

Home
San Marino: referendum per abrogare la precarietà e introdurre la scala mobile PDF Stampa E-mail
sabato 29 marzo 2008
Image I referendum arrivati al voto a San Marino sull’abrogazione del LAVORO INTERINALE e dei CO.CO.PRO e per l’introduzione della SCALA MOBILE (a San Marino è previsto anche il referendum propositivo) non hanno raggiunto il quorum ma i Sì hanno vinto in modo netto. Si sono recati al voto il 49,78% degli aventi diritto residenti, a fronte del 5,64% dei non residenti e circa il 65% dei votanti ha detto Sì, cioè 6300-7000 Sì a seconda del referendum.

Per capire l’entità del voto basta vedere le ultime elezioni (2006) dove ad esempio il partito Sinistra unita - l’unico che ha timidamente appoggiato i referendum - ha totalizzato 1900 preferenze. Questo è il dato più stupefacente: avendo contro tutti i sindacati, gli industriali e tutti i partiti, eccetto uno appunto, e considerando la propaganda a senso unico fatta dalla stampa per un intero mese, si partiva con stime che davano il Sì al massimo attorno a 2-3000 ed invece è arrivato un segnale davvero significativo. I problemi sono diversi: il voto “estero” dei non residenti (inesistente), il quorum irraggiungibile. Dal conteggio totale risulta che i votanti complessivi sono stati il 35,36%. La distanza dalla vittoria non è quindi stata piccola, ma il dato politico è evidente. Gli organizzatori del referendum sono molto soddisfatti e alcuni politici e sindacalisti di San Marino hanno subito questo voto in modo pesante. Gli stessi organizzatori denunciano che molti sono stati i problemi di comunicazione con la popolazione, per mancanza di tempo, soldi e personale, ma anche perché la maggioranza dei cittadini non sapeva nemmeno dell’esistenza di leggi sul lavoro così penalizzanti. Molti non credevano nemmeno che fosse possibile applicare contratti a progetto e interinali a San Marino, anche grazie ad un sindacato che non fa certamente il proprio lavoro. Si è infine riscontrata una forte ritrosia della popolazione verso i referendum, proprio perché storicamente a San Marino è quasi impossibile raggiungere il quorum soprattutto a causa della fortissima presenza di residenti all’estero e della loro scarsa partecipazione. Le ultime quattro tornate referendarie, infatti, non hanno mai colto il risultato del quorum e l’ultima che ha avuto successo - nel 1998 per abolire le società anonime - è stata poi “aggirata” dal parlamento. Considerando queste ragioni, quindi, e con una popolazione che non è più invogliata ad andare a votare per nulla, gli organizzatori considerano il risultato ancora più significativo. Un risultato comunque positivo che ha fatto discutere e votare i cittadini di San Marino sui problemi del lavoro - precarietà e potere d’acquisto dei salari -, per i quali SdL Intercategoriale sta proponendo da mesi anche in Italia con le proposte referendarie contro la precarietà e per la democrazia sindacale.

 
< Prec.   Pros. >
no alla guerra

 

 

 

 

 

 

 

 

COMUNICATI STAMPA

NASCE L’ UNIONE SINDACALE DI BASE Teatro Capranica, Piazza Capranica 101  Ore 9.30 “CONNETTI LE TUE LOTTE”, ...
 
SdL intercategoriale annuncia azioni legali contro il Ministro Matteoli Il Ministro Matteoli, pur diffidato formalmente da SdL, prosegue la sua lotta contro diritto di sci...
 
La banalità delle ordinanze ministeriali contro gli scioperi 3 MAGGIO 2010 - PER L'ENNESIMA VOLTA VIETATO DAL MINISTRO MATTEOLI LO SCIOPERO DEL TRASPORTO AE...
 
archivio comunicati stampa

APPROFONDIMENTI

"collegato lavoro" approvato il 3 Marzo 2010: testo e altro materiale - aggiornato 14 april 2010 A seguire il testo del "Collegato Lavoro" e altro materiale sull'argomento che sar&ag...
 
La questione sindacale ed i rapporti tra politica e sindacato Da uno spazio aperto on line organizzato in questi giorni dal sito dell'”Ernesto”, c...
 
3 Ottobre: Assemblea nazionale a Roma per costruire "il sindacato che serve" Prosegue positivamente il processo di costruzione di un nuovo soggetto sindacale di base che intend...
 
archivio approfondimenti
archivio rassegna stampa

Dai comparti


page counter