Home
Igiene ambientale:NO a questo contratto PDF Stampa E-mail
marted́ 08 aprile 2008

L’accordo raggiunto dai sindacati concertativi (cgi,cisl,uil,cisal) per il rinnovo del CCNL è una resa incondizionata agli interessi delle aziende, si è fatto un contratto unico che recepisce nei fatti quanto previsto dal contratto FISE/Assoambiente. Di seguito elenchiamo i punti più pesanti:
 
ESTERNALIZZAZIONI: le esternalizzazioni e i processi di ristrutturazione saranno gestiti da accordi tra sindacati concertativi e aziende. In caso di perdita di appalti, i lavoratori passeranno all’altra società mantenendo solo quanto previsto dal CCNL e non da accordi aziendali, il rapporto di lavoro non sarà continuativo ma si ricomincia da capo.
DIRITTI: 3 Giorni di ferie in meno( 2 per gli assunti dopo il febbraio 2003), pagate con 46,67 lordi al 3°livello(mentre le ferie le tolgono subito i soldi sono scaglionati su tre anni).Eliminazione raggiungimento posto di lavoro per i nuovi assunti e mantenimento ad personam per chi già la prende, applicazione ai nuovi assunti di quanto previsto per TFR e ferie dal contratto Fise.
SALARIO: aumento di 206.00 €.(al 3° livello) in quattro anni, una tantum di €. 680,00 lordi( di cui 200 a giugno 2008,220 novembre 2008, 260 a maggio 2009).
Questo accordo è un accordo a perdere che ancora una volta penalizza i lavoratori, ci fare passi indietro rispetto ai diritti conquistati in anni di lotte, ancora una volta la competitività delle imprese viene fatta pagareavoratori.
E’ ora di dire basta a questo stato di cose, bisogna andare oltre i mugugni e le lamentele,subito referendum vincolante tra i lavoratori, gestito democraticamente da commissioni elette dalle assemblee.
DICIAMO CON FORZA NO A QUESTO CONTRATTO. COSTRUIAMO UN’ALTERNATIVA AI SINDACATI CONCERTATIVI, PER UN NUOVO SINDACATO DI BASE, DEMOCRATICO E CONFLITTUALE.
 
 
 
 
 
 
 
< Prec.   Pros. >
page counter