Home arrow rassegna stampa arrow Air France lascia il tavolo Alitalia. Si dimette il presidente Prato
Air France lascia il tavolo Alitalia. Si dimette il presidente Prato PDF Stampa E-mail
giovedì 03 aprile 2008
ANSA - 2 aprile
Borsa italiana ha deciso di sospendere il titolo Alitalia. Lo rende noto un portavoce della stessa Borsa italiana, dopo la decisione del presidente di Air France-Klm Spinetta di rompere la trattativa sulla compagnia di bandiera. 
Spinetta rinuncia. L'affare Alitalia salta. Prato si dimette. E incombe il rischio commissariamento. […..] Il patron di Air France-Klm, Jean Cyril Spinetta aveva subordinato l'offerta per comprare Alitalia al preventivo raggiungimento di un accordo con le organizzazioni rappresentative della maggioranza del personale di terra e personale di volo. E il termine scadeva mercoledi'. Dopo gli sforzi fatti per rendere più digeribile un'offerta che i sindacati avevano respinto nella prima e seconda stesura, i rappresentanti dei lavoratori hanno presentato una controfferta. Che per Spinetta è stata "non accettabile". Non solo perché "sono contrario a livello personale - ha spiegato - ma non rientra nel mio mandato".

Una rottura dei negoziati "che non dipende da noi" ha commentato con rammarico Spinetta ribadendo che l'acquisizione di Alitalia "é un progetto nel quale credevo profondamente e nel quale continuo a credere perché avrebbe permesso all'Alitalia di ritrovare rapidamente la strada per una crescita redditizia". Nonostante il forte interesse del colosso d'oltralpe al ghiotto mercato italiano la controproposta dei sindacati "volta a mantenere nel perimetro di Alitalia attività pesantemente deficitarie" e cioé quelle di terra, "é incompatibile con l'obiettivo di un rapido ritorno alla redditività" ha spiegato il gruppo franco-olandese. Uno schema "completamente nuovo" per il quale Air France-Klm "non ha ricevuto alcun mandato dal suo consiglio di amministrazione" spiega un comunicato. Le otto sigle sindacali chiedevano, oltre a che non venissero chiuse le attività cargo e che fossero messi a terra un numero inferiore di aerei, che la finanziaria del Tesoro Fintecna partecipasse all'aumento di capitale previsto con una quota di minoranza e conferisse l'intera quota (49,4%) che possiede in Alitalia servizi alla "Nuova Alitalia". Sarebbe stato proprio questo punto, con la prospettiva di una percentuale troppo alta della presenza dello Stato italiano tramite Fintecna nella holding, a far dire di no a Spinetta. Che, alzandosi dal tavolo, ha detto: "Finisce qui"sfilando via assieme al suo staff.

Ora il rischio commissariamento si fa più reale. Maurizio Prato ha rassegnato le dimissioni dalla carica di presidente e amministratore della società e per giovedi' è convocato il consiglio di amministrazione che potrà assumere "le necessarie ed opportune determinazioni". Sulla base delle decisioni del cda spetterà poi all'azionista di maggioranza, cioé il ministero dell'Economia, prendere eventuali misure. In queste ore, dal fronte sindacale, è rimbalzata l'ipotesi della convocazione di un consiglio dei ministri straordinario. Il portavoce di palazzo Chigi, Silvio Sircana ha però escluso che avvenga già questa sera. In mattinata il ministro dell'Economia Tommaso Padoa Schioppa, parlando alle commissioni Bilancio, Attività produttive e Trasporti della Camera aveva detto che "quella di Air France è l'unica carta, l'unica offerta concreta" e se non andasse in porto "é ipotizzabile il ricorso alla legge Marzano, l'unica in grado di affrontare la crisi di una grande azienda". L'amministrazione straordinaria come soluzione perché, aveva avvertito il ministro, senza un accordo con Air France, "un prestito ponte - anche a prescindere dai chiari profili di illegittimità comunitaria - non sarebbe praticabile".

------------------
IL SOLE 24 ORE.com - 2 aprile
Air France ha rifiutato la controproposta dei sindacati per un accordo sull'offerta per Alitalia. Secondo quanto si apprende da fonti sindacali, la delegazione della compagnia avrebbe abbandonato il tavolo della trattativa.

La proposta prevedeva la partecipazione di Fintecna alla ricapitalizzazione di Alitalia attraverso il conferimento dell'intera quota (49%) posseduta dalla finanziaria del Tesoro in Az Servizi. Ciò, insieme all'iniezione di un miliardo da parte di AirFrance-Klm, avrebbe determinato, secondo i sindacati, una capitalizzazione maggiore della nuova azienda, rendendo più solida la prospettiva di rilancio. La proposta vedeva inoltre il mantenimento del settore cargo per l'intero arco di piano, con la previsione del necessario ricambio della flotta cargo a partire dal 2011 e la dismissione di un numero minore di aerei di medio raggio rispetto a quelli previsti nell'arco di piano e l'anticipazione della fase di ammodernamento dell'intera flotta di medio raggio. Veniva richiesto infine l'ingresso di nuovi aerei di lungo raggio all'interno dell'arco di piano, in anticipo quindi rispetto alle previsioni dell'offerta.
 
< Prec.   Pros. >

page counter