Home arrow Redazionali arrow STOP PRECARIETA' ORA!: 4 NOVEMBRE MANIFESTAZIONE NAZIONALE A ROMA
STOP PRECARIETA' ORA!: 4 NOVEMBRE MANIFESTAZIONE NAZIONALE A ROMA PDF Stampa E-mail
lunedì 11 settembre 2006

Image IL 4 NOVEMBRE TUTTI A ROMA ORE 14.00 A PIAZZA DELLA REPUBBLICA

PARTECIPIAMO TUTTI ALLA MANIFESTAZIONE CONTRO LA PRECARIETA'

L?assemblea, svoltasi l? 8 luglio a Roma, aveva approvato una mozione (vedi sotto) in cui si ribadiva l?impegno all?avvio di ?un percorso di confronto e mobilitazione che sfocer? in una grande manifestazione nazionale a Roma entro la fine di ottobre 2006? sulla base dell'appello su cui era stata convocata l?assemblea.

Nell?incontro tra i vari soggetti che aderiscono alla campagna, tenutosi a Roma l?8 settembre, la data fissata per la manifestazione ? quella del 4 NOVEMBRE.

Ora si tratta di costruirla affinch? la parola d?ordine che d? il titolo alla campagna ?STOP PRECARIET?, ORA! ? diventi realt?.

?E? giunto il momento di rivendicare un cambiamento radicale di tutta la legislazione che in questi anni ha precarizzato il lavoro e la vita...?

E? dalla condivisione di questo assunto che numerose realt? sindacali (tra cui SULT - SINCOBAS - CNL), politiche, associative e reti di movimento hanno lanciato l? appello che individua un percorso di iniziative e mobilitazioni comuni.

Il SULT impegna le proprie strutture e i propri iscritti e iscritte a lavorare alla riuscita della manifestazione dando cos? respiro e prospettive nazionali di soluzione alle numerose vertenze per la stabilizzazione dei precari in corso nelle realt? lavorative in cui ? presente, sia nei settori pubblici che in quelli privati.

Documento finale assemblea 8 luglio 2006, Roma

L?assemblea projossa dalla campagna "Stop precariet?, ora!", svoltasi sabato 8 luglio a Roma, d? l?avvio a un percorso di confronto e mobilitazione che sfocer? in una grande manifestazione nazionale a Roma entro la fine di ottobre 2006 sulla base dell?appello che ha convocato l?assemblea, appello che definisce i primi punti di una piattaforma sociale complessiva.

E? necessario conquistare un profondo cambiamento nella legislazione, che parta dall?abrogazione della legge 30, della Bossi-Fini, delle leggi Moratti. Occorre conquistare una nuova politica economica sociale e per questo l?assemblea esprime un giudizio nettamente negativo sull?impostazione data dal governo al Dpef, che sceglie di tagliare la spesa pubblica e quella sociale.

La preparazione della manifestazione nazionale si svolger? anche attraverso assemblee e incontri diffusi sul territorio, nei quali verranno approfonditi e articolati i punti fondamentali della piattaforma. Contemporaneamente si svilupper? sia la mobilitazione contro la precariet? sia quella contro la Finanziaria del governo se verr? confermata l?impostazione del Dpef.

L?assemblea esprime pieno sostegno a tutte le lotte in corso per il lavoro, per i diritti, per una vita sicura. La manifestazione nazionale sar? anche un momento di incontro e di sintesi di tutte queste esperienze.

L?assemblea fa appello all?opinione pubblica democratica, ai movimenti, alle organizzazioni politiche e sociali perch? vi sia il massimo appoggio alla piattaforma e alla mobilitazione nazionale che la sostiene.

 
< Prec.   Pros. >

page counter